DATA E LUOGO

13-14 Aprile
Riccione

AIOP X Meeting Mediterraneo 13-14 Aprile Riccione

13-14 Aprile Riccione

Dr.G Fabbri

 

“Innovazioni restaurative nel paziente edentulo per ottimizzare l’integrazione
e la prognosi del manufatto implanto-protesico”

 

Il trattamento implanto-protesica del paziente completamente edentulo rappresenta una terapia complessa che non può prescindere da precise valutazioni diagnostiche e terapeutiche. La perdita di tutti gli elementi dentali, infatti, comporta una significativa alterazione dei tessuti duri e molli intraorali con inevitabili ripercussioni sia estetiche che funzionali. Questa condizione riguarda non solo la situazione intraorale ma anche i tessuti periorali ed il terzo inferiore del viso che sono strettamente correlati all’apparato stomatognatico. La diagnosi ed il piano di cura devono quindi partire da una valutazione extraorale e dento labiale che ci consentirà di definire la posizione della cresta incisale superiore, il piano occlusale ed il rapporto intermascellare. Una volta definiti questi parametri, il nostro progetto protesico sarà relazionato alla condizione anatomica del paziente, ottenendo una progettazione implantare protesicamente guidata. Questo approccio oggi giorno può essere gestito mediante un workflow digitale 3D di pianificazione implantare combinato ad una chirurgia assistita o guidata. Questa procedura, spesso, determina terapie chirurgiche minimamente invasive, associate all’applicazione immediata di un provvisorio fisso a supporto implantare. La prevenzione e gestione nel lungo termine delle potenziali complicazioni biologiche e protesiche rappresentano punti cruciali della terapia. In tal senso la componentistica protesica, la soluzione restaurativa definitiva e il protocollo di mantenimento, che deve essere personalizzato per ciascun paziente, sono punti cruciali per l’ottenimento di risultati di successo stabili nel tempo.


“Restorative innovations in the edentulous patient to optimize the integration
and prognosis of implant-supported prostheses”

 

The edentulous predicament is directly related to alteration of facial esthetics and decrease in the lower facial height, as well as loss of ability to chew, taste, and smile. The treatment of the edentulous arches requires specific clinical considerations in term of esthetics, occlusion, phonetics, function and biomechanics. All these evaluations will drive the clinician in the prosthetic, surgical and technical procedures necessary to finalize the treatment according to a reliable clinical workflow. A workflow consists of an orchestrated and repeatable pattern of activity finalized to achieve effective and reliable outcomes. In the field of prosthetic and implant therapy it represents something of essential in order to obtain excellent and predictable prosthetic outcome. In the last ten years the technology has revolutionized the traditional approaches, introducing steadily new digital instruments year after year: Cad/Cam technology, guided implant surgery and innovative digital tools for diagnosis, planning and treatment. The possibility to combine all these aspects together simultaneously on the treatment of the same patient represents the Digital Integrated Workflow. Today, many implant surgical and prosthodontics concepts have been introduced for the treatment of the edentulous jaws, and the digital workflow represents the real breakthrough that allows us to work with an ideal prosthetic driven treatment, combining and evaluating simultaneously prosthetic and surgical aspects. Moreover the maintaining of the prosthetic outcome and the management of potential biological or prosthetic complication represent an essential aspect in order to idealize the reliability and the predictability of the final prosthetic outcome.

www.aiop.com